I temi dell'economia circolare al centro la più importante vetrina internazionale sul settore del "vending" in scena fino al 9 giugno a fieramilanocity. Progetti innovativi di aziende della distribuzione automatica
 
La sostenibilità è un tema che si sta diffondendo sempre di più a tutti i livelli della società. I consumatori sono sempre più sensibili alla sostenibilità e sempre più propensi all’acquisto di prodotti e servizi che ne rispettino i valori e le aziende, anche quelle del mondo della distribuzione automatica, sono sempre più attente alla necessità di riorganizzare il proprio lavoro in modo sostenibile tanto che già da qualche anno molte imprese del vending hanno dato vita a progetti e iniziative.
 
La sostenibilità è infatti uno dei temi più importanti al centro di Venditalia, la più importante vetrina internazionale sul settore del vending in scena fino al 9 giugno a fieramilanocity, organizzata con cadenza biennale da Venditalia Servizi e promossa da Confida, l’associazione della distribuzione automatica.
 
Basti pensare, ad esempio, alla gestione efficiente dell’energia e dei magazzini nell’azienda, alla sostenibilità nei trasporti, all’adozione di nuove tecnologie, alla scelta dei prodotti alimentari e alla gestione dei rifiuti nell’ottica di un’economia sempre più circolare.
“A Venditalia promuoviamo la cultura della sostenibilità con la consapevolezza di diffondere valore – spiega il presidente Ernesto Piloni. – In questa edizione della fiera sono molti gli espositori che propongono soluzioni green: dalla capsula del caffè completamente compostabile al bicchiere che utilizza solo il 60% di plastica, dai compattatori di rifiuti alle vending machine che risparmiano energia”.
“Le aziende del settore – aggiunge Massimo Trapletti, presidente di Confida – sono sempre più consapevoli del fatto che l’attenzione a una gestione sostenibile della distribuzione automatica porta notevoli benefici in termini di minor impatto ambientale non solo per l’azienda stessa ma anche per la comunità in cui essa opera. Per questo la nostra associazione ha dato vita al progetto Vending Sostenibile che mira a diffondere le buone prassi di sostenibilità nel settore”.
 
Durante il workshop La sostenibilità nel vending organizzato da Confida sono stati presentati alcuni casi virtuosi. A partire dalla società Cda, azienda del vending con una forte vocazione a tutela dell'ambiente. Tra le iniziative di maggior successo c’è il progetto Semaforo Verde, per la riduzione delle emissioni di CO2 della flotta aziendale, grazie alla formazione degli autisti a una guida ecologica e all’impiego di automezzi a gas metano. Sul fronte del riciclo degli scarti di produzione Cda ha, invece, vinto il premio Good Energy Award, con un progetto sui fondi di caffè, che prevede di trasformarli in pellet, come fonte di energia per le stufe pirolitiche.
Flo Spa, tra i maggiori produttori europei di articoli monouso per il vending, si è impegnata nella realizzazione della prima capsula al mondo che garantisce compostabilità e barriera all’ossigeno unite a una eccellente qualità del caffè erogato: è una capsula da gettare nell’umido che agevola lo smaltimento del caffè e restituisce un fertilizzante per l’agricoltura.
 
La sostenibilità guarda anche al sociale e Confida, in collaborazione con Fondazione Sodalitas e Associazione Nazionale Comuni Italiani, ha dato vita al Premio Vending Sostenibile, all’interno di Cresco Awards, dedicato ai Comuni che hanno saputo valorizzare le potenzialità offerte dalla distribuzione automatica per realizzare soluzioni capaci di migliorare la sostenibilità ambientale e la qualità della vita delle persone. Il Comune vincitore per il 2017 è stato Conegliano, dove la distribuzione automatica ha permesso di far nascere un innovativo progetto che coniuga impresa, solidarietà, sostenibilità e politiche attive del lavoro. Il servizio infatti è gestito dal personale della società di distributori automatici Service Vending affiancate da persone disoccupate o svantaggiate che, individuate dai servizi sociali del Comune, vengono appositamente formate e rimotivate al lavoro. Il servizio inoltre è offerto all’interno di una casa di riposo per anziani in cui, insieme al ristoro, si è creato un luogo di socialità.
Il Giornale.it Economia

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Debora De Carlo