Tutti prosciolti per Xylella. Ma l'archiviazione contiene falsità scientifiche e accuse infondate ai ricercatori

Il Foglio