La regione Valle D'Aosta ha pubblicato un'interessante guida rivolta a tutti quelli che hanno decisodi installare una caldaia a biomassa

La Regione Valle d’Aosta ha pubblicato le linee guida relative agli impianti di riscaldamento alimentati a biomassa.
 
Nonostante il documento riporti dei dati regionali su consumi ed emissioni relative a questo tipo di impianti, può essere considerato, per gli accorgimenti di natura tecnica che contiene, un vademecum valido per tutti i cittadini italiani.
 
La guida è infatti rivolta a tutti gli utilizzatori di impianti termici civili alimentati a biomassa (legno, pellet, cippato) ed è ideata per dare consigli utili su come e dove installare e come manutenere questi impianti per ottimizzarne la resa e ridurne i consumi.
 
Il riscaldamento a biomassa tra le principali fonti di inquinamento dell’arco alpino
 
Gli impianti di riscaldamento sono da tempo in tutto l’arco alpino una delle principali fonti di inquinamento – sottolinea una nota della Regione – soprattutto per quanto riguarda le polveri sottili e gli inquinanti dalle stesse veicolate quali ad esempio gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), tra i quali il composto più rappresentativo è il benzo(a)pirene.
 
Per quanto riguarda le polveri sottili – prosegue la nota – l’inventario regionale delle emissioni ha evidenziato in maniera netta il contributo degli impianti alimentati a biomasse legnose, per i quali occorre oggi acquisire una maggiore consapevolezza nel loro utilizzo nonché promuovere il miglioramento dell’efficienza energetica e una maggiore attenzione nelle fasi di installazione degli impianti, rivolgendosi a competenti figure professionali del settore.
QualEnergia.it

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Debora De Carlo