Quando la magistratura fa danni.

Il Foglio