ENplus nel 2021 certificherà oltre 14 milioni di tonnellate di pellet

Lo schema di certificazione leader a livello mondiale per garantire pellet di alta qualità, ENplus®, registra un altro anno di crescita stabile. Nel 2020 la produzione totale di pellet certificato è stata di 12,3 milioni di tonnellate, mentre la quantità per l’anno in corso dovrebbe superare i 14 milioni di tonnellate*. (* stima basata sui numeri presentati da tutti i produttori certificati, EPC)
 
Questi volumi record sono il risultato della continua espansione del programma ENplus® e del numero crescente di aziende certificate. ENplus® ha annunciato che l’elenco con i certificati attivi include ora più di 1100 produttori, commercianti e fornitori di servizi di pellet in 47 paesi in tutto il mondo. Sebbene la maggior parte delle società di nuova certificazione siano situate in paesi come Polonia, Ucraina e Russia, un crescente interesse per lo schema ENplus® è registrato anche da  aziende di pellet in Sud America.
 
Con oltre 3 milioni di tonnellate, la Germania è rimasta il più grande produttore di pellet certificato ENplus® nel 2020. L’Austria ha mantenuto il secondo posto seguita dalla Russia, mentre la Polonia si è classificata al 4 ° posto, precedendo Francia e Spagna. Tutti i paesi tra i primi 6 hanno aumentato la loro produzione certificata rispetto all’anno precedente, con l’unica eccezione della Francia.
 
“Continuiamo a osservare una forte domanda di certificazione proveniente dalla maggior parte dei paesi europei. Secondo gli ultimi dati in nostro possesso, la produzione certificata ENplus® rappresenta oltre l’85% dei volumi di pellet in almeno 10 paesi europei. Date le circostanze della pandemia e dei programmi nazionali che incoraggiano una transizione verso un’energia più verde, ci si dovrebbe aspettare che molti più utenti finali cerchino pellet di alta qualità, il che è una previsione promettente per il futuro della certificazione.”, commenta Catalina- Elena Dumitru, direttrice dello schema ENplus®.
 
La direzione di ENplus® continua inoltre a destinare notevoli risorse alla lotta alle frodi affinché il valore del sigillo di certificazione rimanga protetto nel tempo. Ad aprile 2021, sono stati identificati e risolti quasi 740 casi di frode. Per aiutare gli utenti finali a identificare le aziende fraudolente, una lista nera viene mantenuta aggiornata sul sito web dello schema ENplus®.
 
Dopo lo scoppio della pandemia, ENplus® non è più stata in grado di procedere con la normale organizzazione dei suoi regolari corsi di formazione per aziende e partner certificati e per garantire che i responsabili della qualità delle aziende certificate siano adeguatamente formati e abbiano le conoscenze per supervisionare il sistema di gestione della qualità in atto, è stata sviluppata e lanciata una piattaforma e-learning.

PF Magazine