Riportiamo la norma inserita nel decreto legge n.91 del 24 giugno 2014 (art.14) relativa alla possibilità di combustione in campo del materiale agricolo e forestale che proviene da sfalci, potature o ripulitura del campo. In sostanza la disposizione discipilna la bruciatura in loco dei residui vegetali derivanti dalle normali pratiche agricole connesse alla gestione del fondo: residui di potatura, ramaglie, erba e sterpaglie.
Salvo disposizioni da parte delle amministrazioni  locali.
 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Scritto da Maddalena Sofia