Caldaia a biomassa, un'opportunità per te e per l'ambiente

Quanto è bello stare al caldo nella propria casa quando in inverno il freddo non ti da tregua? Magari con un bel libro, una tazza di tè… Nella guerra alle temperature rigide, un’importantissimo alleata è la caldaia. Tuttavia oggigiorno essere sostenibili ed attenti alla salute dell’ambiente che ci circonda è un dovere morale, sia per noi che per le generazioni future: è arrivato dunque il momento di non usare una caldaia qualsiasi, ma una caldaia a biomassa, un metodo di riscaldamento di qualità, sostenibile e conveniente.
 
Le caldaie a biomassa sono in grado di utilizzare tutti i tipi di biomasse a base legnosa: dal pellet al cippato, dai ceppi di legno ai noccioli di pesca. Bruciando combustibili naturali, questa tipologia di caldaie producono con alto rendimento energia termica a basso costo, con un risparmio notevole rispetto ai combustibili tradizionali di origine fossile, e garantiscono alti livelli di efficienza e affidabilità.
 
I principali vantaggi delle caldaie a biomassa
Parlavamo in precedenza di convenienza nella scelta di una caldaia a biomassa. Come mai? Ecco alcuni vantaggi nello sceglierla di questa tipologia:
 
  • Minor inquinamento
Queste caldaie sono ecologiche, perché hanno basse emissioni di zolfo e di altri inquinanti atmosferici. Inoltre, l’impiego di combustibili come il pellet, il cippato, la legna, etc., contribuisce a ridurre la dipendenza da fonti non rinnovabili quali il petrolio, il carbone e il gas naturale.
 
  • Alto rendimento calorico
Gli impianti a biomassa sono totalmente automatizzati e non hanno limiti dimensionali, potendo raggiungere potenze di vari MW termici. Per l’automazione e il risparmio di esercizio, sono particolarmente indicati per il riscaldamento di edifici di dimensioni medie o grandi: alberghi, scuole, centri commerciali, serre e capannoni industriali.
 
 

 

PF Magazine