Non sempre riscaldarsi con la biomassa legnosa è sano e naturale e non sempre è chiaro come utilizzare al meglio stufe e camini. Per aiutare gli utenti finali a muoversi nel migliore dei modi e con consapevolezza, le regioni del Bacino Padano (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e Provincia Autonoma di Trento), insieme ad altri partner nazionali e internazionali, promuovono attivamente il progetto PREPAIR, per sensibilizzare i cittadini sul corretto utilizzo della biomassa legnosa. “Brucia bene la legna, non bruciarti la salute” è lo slogan scelto per la campagna di sensibilizzazione che punta a un riscaldamento con stufe e camini sicuro e rispettoso dell’ambiente.
 
Per essere più incisivi e arrivare meglio all’obiettivo di informare in modo corretto gli utilizzatori finali, i partner del progetto hanno realizzato un video, della durata di un minuto circa, che riassume le cinque regole d’oro da seguire per riscaldarsi come ambiente e salute comandano: utilizzare un apparecchio efficiente e moderno, se possibile a pellet; non bruciare giornali o altri materiali diversi dalla legna; bruciare solo legna asciutta e stagionata o pellet certificato; accendere il fuoco dall’alto con accendi-fuoco o pezzi di legna più piccoli; effettuare la manutenzione periodica del camino o della stufa. Non tutti, infatti, sanno che in alcune aree del bacino padano più del 90% delle emissioni delle polveri sottili provenienti dal settore del riscaldamento deriva dall’utilizzo della biomassa legnosa.
 
L’obiettivo finale della campagna di comunicazione congiunta è quello di sfatare i luoghi comuni su questo tema e informare i cittadini sulle possibili conseguenze per la salute e per l’ambiente. Nell’ambito della campagna di sensibilizzazione avviata, i partner hanno anche predisposto un opuscolo informativo sull’utilizzo della biomassa legnosa come combustibile e un vademecum per una corretta gestione di stufe e camini, tutti contenuti che, insieme al video, saranno divulgati e diffusi anche in rete e sui social.
Rinnovabili.it

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Yuri Isoldi