Tutto quello che c’è da sapere sul pellet di eucalipto

 

L’eucalipto è un albero appartenente alla classe dei sempreverdi dalla corteccia liscia dal colore grigio chiaro e dal legno rossastro. Sebbene l’eucalipto sia originario dell’Australia, la sua storia in Italia inizia verso la metà del diciannovesimo secolo, con, ad oggi, una concentrazione al centro e al sud d’Italia.

L’eucalipto dunque è un albero relativamente nuovo nella penisola italiana; questo non toglie il fatto però che anche qui abbia riscontrato un grande apprezzamento per le sue peculiari caratteristiche. Ad oggi la sua importanza economica è in ascesa, con un impiego prevalente nell’industria farmacologica e fitoterapica grazie all’olio essenziale contenuto nelle sue foglie, il quale svolge un’azione antinfiammatoria, balsamica nonché antibatterica. Sebbene l’industria farmacologica sia la prima a mettere a frutto le caratteristiche dell’eucalipto, vi sono altri ambiti non immuni al suo fascino, come ad esempio l’industria cartaria oppure quella agraria, che utilizza l’eucalipto per implementare politiche di bonifica su terreni paludosi. L’eucalipto dunque è un albero dalle mille sfaccettature e dagli impieghi molteplici, i quali non possono che trovare sbocco anche nell’industria delle biomasse come legna da ardere, carbone ed infine pellet.

Il presente articolo vuole affrontare le caratteristiche uniche del pellet di eucalipto, per introdurre il pellet Kalò promosso da Biomassapp, un tipo di pellet 100% biologico adatto per tutti i tipi di impianti domestici.

 

Pellet BIO e pellet non-BIO: quali sono le differenze

 

Per i non addetti ai lavori, o per chi si avvicina al mondo delle biomasse per la prima volta, il pellet può sembrare tutto uguale. Questo infatti può essere definito come un agglomerato granulare a forma cilindrica di circa 6 mm di diametro e 10/40 mm di lunghezza (vedi Pellettizzazione delle Biomasse: tutto quello che c’è da sapere).

Sebbene le apparenze possano ingannare il mondo del pellet è variegato (vedi Impariamo a conoscere il pellet di sansa, Tutto quello che c'è da sapere sul pellet di paglia, Pellet di nocciolino di sansa: guida all'acquisto, Pellet di girasole: guida all'acquisto, Pellet di mais tra etica e convenienza e Perché il pellet di eucalipto è un ottimo pellet per stufe e caldaie), anche se tutte le tipologie di pellet presenti sul mercato, ad oggi, devono comunque conformarsi agli standard imposti dalla comunità europea (EN 14961-1, EN 14961-2 e EN 14961-6) così come a quelli imposti dall’ISO (ISO/DIS 17225-1, ISO/DIS 17225-2 e ISO/DIS 17225-6).

Nonostante il fatto che le differenze tra varie tipologie di pellet possono essere enormi se analizzate nel dettaglio, vi è una caratteristica che può essere usata come prima discriminante per dividere il mondo del pellet in due grandi gruppi; questa è la denominazione BIO.

Quando parliamo di pellet biologico facciamo riferimento ad una tipologia di pellet che non presenta al suo interno alcun tipo di additivo artificiale, come può essere il caso di collanti aggiunti per amalgamare la biomassa durante il processo di omogeneizzazione della granulometria del materiale in ingresso nella pellettizzatrice, oppure per conferire al cilindretto di pellet un colore più omogeneo oppure una superficie più liscia.

Un pellet BIO dunque è una tipologia di biomassa che utilizza esclusivamente materie prime biologiche, in linea con una filosofia di ecosostenibilità e rispetto per l’ambiente. A tale riguardo è bene ricordare che non è solo la qualità del pellet a fare la differenza nel processo di combustione ma anche la qualità dell’impianto e il suo corretto funzionamento (vedi Pellet e COVID 19 : davvero il consumo del pellet contribuisce all'incremento delle polveri e alla diffusione della epidemia?). A questo si aggiunge anche il fatto che un pellet senza additivi artificiali sarà meno propenso a creare incrostazioni e residui nel nostro impianto.

 

Pellet di eucalipto Kalò

Pellet Kalò: il pellet di eucalipto 100% BIO

 

Una volta analizzata la differenza tra il pellet BIO e il pellet non-BIO è possibile introdurre il pellet Kalò. Il pellet Kalò promosso da Biomassapp è una tipologia di pellet che presenta caratteristiche uniche in quanto è un blend di due tipologie di albero particolari, come l’ eucalipto (70%) e il pino di Aleppo (30%).

Il pellet Kalò infatti si definisce come il punto d’incontro tra le qualità del legno dell’albero di eucalipto, del pino d’ Aleppo (vedi Pellet di conifera, ovvero pellet di pino e pellet di abete: quale scegliere?) con l’esperienza e la professionalità di Biomassapp (vedi Biomassapp ottiene la certificazione come distributore EnPlus A1 con codice IT 390). Tra le caratteristiche del pellet Kalò è possibile elencare il fatto che è un pellet 100% ecologico, ovvero presenta lo 0% di additivi aggiunti. Oltre a questo è fondamentale notare che il pellet d Kalò è ricavato non dalla segatura (piallatura, chips di legno etc.) ma bensì dal tronco dell'albero decortecciato. L’utilizzo del tronco dell’albero di eucalipto decortecciato e non della sua segatura (o di altri scarti di lavorazione) garantisce un prodotto di prima qualità il quale è pensato appositamente per fini di alimentazione energetica. Questi due fattori quindi, ovvero il suo essere 100% BIO e la sua derivazione dal tronco di albero di eucalipto decortecciato, gli conferiscono caratteristiche tecniche che lo rendono una soluzione ideale per riscaldamenti domestici, implementando il potenziale dell’impianto a nostra disposizione. Per citare alcuni dati tecnici il pellet Kalò ha un potere calorifico ≥ 4,7 KWh/Kg con un residuo medio di ceneri ≤ 1%, di diametro 6 mm con umidità ≤ 8% e durabilità meccanica ≥ 98% (vedi Qualità del pellet: durabilità meccanica, parametri chimici, additivi).

 

Conclusione

 

L’albero di eucalipto è una pianta dalle proprietà uniche, apprezzate ed impiegate nel tempo per i fini più disparati. Con l’introduzione dell’albero di eucalipto nel mondo delle biomasse si è arrivati a scoprire un prodotto dall’alto potere calorifico e dai minimi residui post combustione, il che vuol dire incrementare l’efficienza e l’efficacia non solo del biocombustibile da noi usato per il riscaldamento dell’abitato ma anche del nostro impianto. Il pellet Kalò promosso da Biomassapp è un prodotto 100% naturale, ideale per camini, stufe, caldaie e termocamini il quale sta avendo una diffusione sempre maggiore, e del tutto meritata, su tutto il territorio italiano (vedi Perché il pellet di eucalipto è un ottimo pellet per stufe e caldaie, Pellet di eucalipto: quando si incontrano qualità e prezzo competitivo).

Scritto da: Leandro Loriga per Biomassapp.

 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Antonella Marinelli