Stufe caldaie e termocaminia pellet rappresentano oggi un’alternativa più che valida ai diffusi sistemi di riscaldamento a gas e metano. I motivi per cui sempre più persone scelgono questi impianti sono legati ai vantaggi del pellet, un materiale che risulta pratico, ecologico e parecchio economico. Il pellet non è altro che un derivato del legno, è quindi un prodotto del tutto naturale, con basse emissioni inquinanti che, attraverso caldaie e caminetti, permette il riscaldamento di intere abitazioni, a costi davvero contenuti.

In diversi articoli vi abbiamo spiegato che, per ottimizzare i costi e trarre il massimo dei benefici, è importante inserire nei nostri sistemi di riscaldamento, un pellet di buona qualità, un prodotto cioè certificato, con delle caratteristiche specifiche, che permetta non solo un ottimo rendimento, ma che non danneggi la nostra stufa, la nostra caldaia o il nostro termocamino.

Con alcune accortezze è possibile acquistare del pellet certificato a buon prezzo, ad esempio acquistando durante la bassa stagione o approfittando delle offerte on-line, o ancora approfittando di sconti sull’acquisto di piùbancali di pellet;un ulteriore modo per risparmiare,ed essere sicuri di avere un ottimo prodotto, è quello di pensare alla produzione di pellet fai da te.Ci sono cioè delle macchine, attraverso le qualiè possibile per tuttiprodurre pellet in casa, senza troppe difficoltà.

La soluzione del pellet fai da te è particolarmente adatta a chi possiede un giardino, un orto, un frutteto, a chi cioè, durante l’anno, produce una buona quantità di legna,o di altri prodotti derivanti dalla potatura di piante e alberi, che hanno bisogno di essere smaltiti. Il pellet si ricava infatti dal cippato, cioè dalla legna ridotta in scaglie, tramite un biotrituratoreo un cippatore. Le scaglie di legna utili per produrre pellethanno delle dimensioni variabili, che vanno da alcuni millimetri a pochi centimetri. Da queste scaglie, grazie appunto a una macchina, si ottiene il pellet pronto all’uso. La legna e i suoi derivati non sono però l’unico materiale da cui si ricava il pellet. Possiamo produrre pellet a partire da scarti di fieno, paglia o mangimi; sansa di olive; scarti di riso o mais o ancora dall’erba del prato o dalle erbacce in generale.

Le macchine per fare il pellet a casa si chiamano pellettatrici e in commercio ne troviamo diverse, alcune di queste destinate ad un uso prettamente domestico.Si tratta di macchine a compressione, abbastanza leggere e compatte. Una macchina per fare il pellet a casa pesa circa 110-150 kg e ha una dimensione di circa 130 cm. Come funziona una macchina per fare il pellet a casa? Il funzionamento delle pellettatricesi basa su calore e pressione ed è abbastanza semplice. La materia legnosa è inizialmente passata mediante una macina, per poi essere compressa ad alte temperature. Una volta che il pellet è stato pressato, passa attraverso dei piccoli fori che gli danno le dimensioni di qualche millimetro. In linea di massima una buona macchina per fare il pellet a casa,con un motore tra i quattro e i cinque kilowatt, produce sino a 80 kg di pellet l’ora.

La macchina che andiamo ad acquistare deve assicurare un’alta densità e compattezza al pellet. Se il pellet non è abbastanza denso,può sfaldarsi e danneggiare stufe, caldaie o caminetti in cui lo andiamo a caricare.

Per avere un buon pellet, le qualità della macchina però non sono sufficienti. È infatti fondamentale stare attenti anche a cosa introduciamo nella macchina. Nella macchina per fare il pellet bisogna inserire soltanto materiali ligno-cellulosici. La legna deve essere sottoposta ad un processo di essiccazione, per abbassare il tasso di umidità al 10-12%, perché un pellet con un alto tasso di umidità non avrà una buona resa.Evitate di inserire anche legna riciclata da mobili e arredamento. Questo tipo di legnoha sempresubito deitrattamenti e la combustione causerebbe lo sprigionamento di sostanze inquinanti o nocive.Alla legna inoltre non va aggiunto nessun collante aggiuntivo. Il collante del pellet è la lignina, un polimero organico, naturalmente presente nel legno, che viene rilasciato durante il processo di lavorazione, comportandosi appunto come una colla. Nella macchina per fare il pellet non vanno inoltre inseriti cere combustibili, grassi animali e oli esausti.

Il prezzo di una macchina per fare il pellet a casa oscilla tra i 3.000,00 e i 6.000,00 Euro, seppur ci siano dei modelli economici che hanno un costo più basso, di circa 2.500,00 Euro. Ci sono diverse aziende produttrici di macchine per fare il pellet. Per farsi un’idea più precisa dei prezzi o per trovare offerte vantaggiose, è consigliabile sempre dare un’occhiata ai siti di vendita online. È possibile che online troviate macchinari a dei prezzi davvero competitivi (intorno ai 900 Euro). In questo caso spesso si tratta di prodotti non costruiti in Italia. Ponete quindi la giusta attenzione all’attendibilità del sito, ai metodi di pagamento e ai tempi di consegna.

Ed infine, per i più intraprendenti o veri amanti del fai da te, esiste la possibilità di costruirsi da sé delle macchine per fare il pellet a casa. Su youtube ci sono parecchi video di persone che si cimentanonel farlo. In quel caso però,fate attenzione, perché la garanzia del risultato dipenderà fortemente dalle vostre capacità e dalla vostra manualità.

 

Scritto da: Caterina Scianna

 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Gianclaudio Iannace