FONTE: FutureMetrics LLC

 

FutureMetrics ha rilasciato un nuovo studio che presenta, a fine 2018, un revisione al rialzo del mercato del pellet a livello globale. 

Secondo il quotidiano, il 2018 è stato un anno record per il mercato del pellet mondiale in termini di crescita e prezzi.

Il documento mostra che la crescita del commercio di pellet di legno è aumentata nell'ultimo anno dopo diversi anni di crescita più moderata. 

Dal 2013 al 2014, c’era stata una crescita del 19% nel mercato del pellet di legno, secondo i dati inclusi nel documento. 

Dal 2014 al 2016, il documento mostra una crescita del mercato del pellet rallentata al 7% all'anno ed è stato accompagnato da una situazione di prezzi bassi e limitata espansione della capacità produttiva. 

Nel 2017, le condizioni del mercato sono migliorate e il commercio globale di pellet è aumentato del 13%, raggiungendo 18,9 milioni di tonnellate. 

Nel documento si rileva che il miglioramento del mercato del pellet è continuato ed anzi cresciuto nel 2018, con una crescita del commercio globale di pellet che è salita al 26%.

Secondo FutureMetrics si prevede che il commercio di pellet 2018 raggiungerà 23,8 milioni di tonnellate, rispetto ai 18,9 milioni di tonnellate dello scorso anno. 

Questa crescita è principalmente alimentata dall'aumento della domanda nel Regno Unito, Danimarca, Corea del Sud e Giappone.

Nel Regno Unito, il documento rileva che la domanda di pellet è aumentata quest'anno a causa della messa in esercizio della centrale elettrica di Lynemouth e della conversione, da carbone al pellet, di una quarta unità, quella della Drax Power Station. 

L'anno prossimo, la crescita nei consumi di pellet nel Regno Unito dovrebbe essere alimentata sempre dal revamping delle centrali ex-carbone. 

Nel 2020, FutureMetrics prevede che la domanda di pellet del Regno Unito aumenterà ulteriormente con la messa in servizio pianificata dell'impianto Teeside.

Anche in Danimarca, gran parte della recente crescita della domanda di pellet di legno proviene da conversioni da carbone a biomassa di grandi centrali elettriche centrali. 

Nella sua relazione, FutureMetrics si aspettava un'ulteriore crescita della domanda di pellet proveniente dalle operazioni di teleriscaldamento su piccola scala e dalla continua crescita del settore residenziale.

In Belgio, il documento rileva che la domanda di pellet di legno industriale è rimasta relativamente stabile negli ultimi anni. 

L'aumento delle importazioni di pellet quest'anno sembra riflettere un maggiore utilizzo delle capacità nei due impianti alimentati a pellet del paese, insieme a migliori condizioni nel mercato del riscaldamento domestico.

I Paesi Bassi erano un importante mercato per il pellet di legno, secondo lo studio. 

Tuttavia, il mercato del pellet si è rapidamente ridotto nel 2012 quando è stato introdotto un nuovo sistema di sussidi per le energie rinnovabili. Da allora sono stati concessi sussidi per il co-firing di pellets in diverse aziende. 

Passando al 2019 e al 2020, FutureMetrics prevede che i Paesi Bassi diventeranno nuovamente un importante mercato per il pellet di legno presso gli utilizzatori industriali.

La domanda di pellet in Italia viene principalmente dal riscaldamento domestico piuttosto che dall'uso industriale. 

Mentre gli inverni caldi e i prezzi più bassi per i combustibili da riscaldamento concorrenti hanno inciso sulla domanda di pellet negli ultimi anni, FutureMetrics ha rilevato che i volumi si sono notevolmente ripresi lo scorso anno anche a causa di un inverno piuttosto freddo. 

Nel corso dei primi otto mesi di quest'anno, le importazioni di pellet di legno in Italia sono aumentate del 29% con un ritmo che porterà in 2018 a battere il record di consumi stabiliti nel 2014.

In Giappone, lo studio rileva che le importazioni di pellet sono in aumento e si pensa supereranno 1 milione di tonnellate quest'anno, circa il doppio del volume delle importazioni per il 2017. Durante i primi tre trimestri di quest'anno, il 63% delle importazioni di pellet di legno del Giappone proviene dal Canada, il 31% proviene dal Vietnam. 

FutureMetrics prevede una rapida espansione delle importazioni giapponesi di pellet nei prossimi anni.

In Corea del Sud, le importazioni di pellet di legno dovrebbero raggiungere 3,4 milioni di tonnellate quest'anno. 

FutureMetrics ha dichiarato che oltre il 95% di quel volume proviene dai produttori di pellet nel Sud-est asiatico.

Un grande futuro per il pellet, che cresce sia come combustibile per il settore residenziale che per l’utilizzo di tipo industriale.
 

Scritto da Giancaludio Iannace

 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da GIANCLAUDIO IANNACE