L'industria dell'olio d'oliva offre agli agricoltori opportunità preziose in termini di occupazione stagionale così come per i frantoi e i sansifici. L’industria dell’olio rappresenta pertanto un settore che apporta significativi benefici economici in termini di profitto e occupazione; il rovescio della medaglia è che può portare, se non gestito in modo corretto, a gravi danni ambientali e degrado.

Tipi di rifiuti

Attualmente, ci sono due processi che vengono utilizzati per l'estrazione dell'olio d'oliva, la trifase e la bifasica. Entrambi i sistemi generano grandi quantità di sottoprodotti. I due sottoprodotti prodotti dal sistema trifase sono un residuo solido noto come sansa vergine e grandi quantità di liquido acquoso noto come acqua di vegetazione del frantoio (OMW). Il processo a tre fasi di solito produce il 20% di olio d'oliva, il 30% di sansa vergine e il 50% di acque di vegetazione. Ciò equivale all'80% di rifiuti prodotti rispetto al prodotto di partenza.

Indipendentemente dal sistema utilizzato, gli effluenti prodotti dalla produzione di olio d'oliva presentano proprietà altamente fitotossiche e antimicrobiche, dovute principalmente ai fenoli.

I fenoli sono un composto cristallino caustico e velenoso. Questi effluenti, se non smaltiti correttamente, possono provocare gravi danni ambientali. Non esiste una politica generale per la gestione dei rifiuti nelle nazioni produttrici di olio d'oliva in tutto il mondo. .

Come vengono smaltiti

Circa 30 milioni di m 3  di acque di vegetazione del frantoio vengono prodotte ogni anno nell'area mediterranea. Queste acque reflue non possono essere inviate ai normali sistemi di trattamento delle acque reflue, pertanto lo smaltimento sicuro di questi rifiuti è un serio problema ambientale.

Questo pone un serio problema in quanto le sofisticate soluzioni di trattamento delle acque reflue sono troppo costose per i paesi in via di sviluppo dell'Africa settentrionale, come il Marocco, l'Algeria e la Tunisia, dove è comune che le acque di vegetazione vengano scaricate nei fiumi e nei laghi o utilizzate per l'irrigazione agricola. Ciò si traduce nella contaminazione delle acque sotterranee e dell'eutrofizzazione di laghi, fiumi e canali. L'eutrofizzazione si traduce in una riduzione delle piante acquatiche, del pesce e di altre popolazioni animali in quanto favorisce la crescita eccessiva delle alghe. Quando le alghe muoiono e si decompongono, alti livelli di materia organica e organismi in decomposizione riducono l’ossigeno nell'acqua, causando il crollo delle popolazioni acquatiche.

Un'altra tattica comune per lo smaltimento delle acque reflue del frantoio è di raccoglierle e conservarle in grandi bacini o stagni di evaporazione. Viene quindi essiccato fino a ridursi in una frazione semi-solida.

Nel corso del tempo questi composti tossici si accumulano nel terreno, saturandolo e spesso vengono trasportati dall'acqua piovana in altre zone vicine, causando gravi deflussi pericolosi. Poiché questi effluenti sono generalmente non trattati, questo porta al degrado del suolo, alla contaminazione dello stesso e alla contaminazione delle falde acquifere e della stessa falda acquifera.

Anche una piccola quantità di acque di scarico delle olive, a contatto con le acque sotterranee, può potenzialmente causare un notevole inquinamento alle fonti di acqua potabile.

Il problema è più serio dove il cloro è usato per disinfettare l'acqua potabile. Il cloro a contatto con il fenolo reagisce formando clorofenolo che è ancora più pericoloso per la salute umana del solo fenolo.

Misure correttive

I problemi associati ai rifiuti di lavorazione delle olive sono stati ampiamente studiati negli ultimi 50 anni.

Allo stato attuale della tecnologia di trattamento delle acque di vegetazione dei frantoi oleari, l'industria dell’area nord Africa in particolare, ha mostrato scarso interesse a supportare qualsiasi processo tradizionale (fisico, chimico, termico o biologico) su vasta scala. Ciò è dovuto agli alti costi di investimento e operativi, alla breve durata del il periodo di produzione (3-5 mesi) e le dimensioni ridotte dei frantoi.

Conclusione

Complessivamente, i problemi associati ai rifiuti di lavorazione delle olive sono ulteriormente aggravati dalla mancanza di una politica comune tra le regioni produttrici di olio d'oliva, finanziamenti e infrastrutture per un corretto trattamento e smaltimento e una generale mancanza di educazione sugli effetti ambientali e sulla salute causati dagli scarti della lavorazione delle olive.Data la gravità dell'impatto ambientale dei rifiuti di lavorazione delle olive, è necessario che i responsabili politici e i leader del settore intraprendano iniziative più concrete per sviluppare un quadro sostenibile per affrontare il problema dello smaltimento dei rifiuti di olio d'oliva.

 

Scritto: da Gianclaudio Iannace

 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da Gianclaudio Iannace