I camini a pellet reinventano la tradizione e la piacevolezza del focolare domestico grazie a sofisticate tecnologie che ottimizzano la resa. E’ proprio durante il caldo estivo che si inizia a pensare al freddo invernale, scegliendo il modello di camino che fa per voi.

 

Il camino a pellet è un elemento d’arredo pratico e di stile che avvalora la casa. Se desiderate capire quali sono le differenze rispetto un camino a legna, l’articolo “Il caminetto a pellet: guida all’acquisto” vi suggerirà dei validi incentivi per scegliere questa tipologia di camino. Ma come orientarsi nel mercato tra tanti modelli di camini a pellet disponibili? Quanto possono variare i prezzi e cosa determina i loro costi? In questo articolo cercheremo di delineare quali sono i fattori che aumentano il costo e suggerire qualche opzione per una scelta che risponda alle vostre esigenze. 

 

Come per i camini a legna, anche per i camini a pellet i prezzi variano in funzione delle caratteristiche del prodotto. Il costo base di un camino a pellet parte da 1.200 Euro sino ad arrivare a 8.000, 11.000 Euro. Quali sono i principali fattori che incidono sul costo? In primo luogo le dimensioni e i materiali utilizzati determinano la cifra finale. Per quanto riguarda il materiale, la parte interna del camino a pellet è l’area più “standard” della struttura e quasi tutti i modelli presentano una camera di combustione in acciaio o in ghisa. Il costo parte da 600 Euro e può arrivare fino a 5.000 Euro per le grandi dimensioni. La parte esterna invece può essere realizzata con una diversa gamma di materiali più o meno costosi. Un rivestimento in pietra ollare viene considerato il più pregiato. Il costo è molto elevato e il prezzo finale del camino così configurato può arrivare a 11.000 Euro; questo materiale è eccellente per la resa termica e viene ritenuto tra i più raffinati per l’arredo interni. Anche il marmo o le maioliche artigianali sono prodotti d’effetto e di ottima qualità con una spesa sostenuta, se invece desiderate un compromesso di prezzo senza rinunce all’efficienza e allo stile, il grès porcellanato e il cartongesso sono delle soluzioni ottimali ed economiche con un prezzo finale del camino che varia dai 6.000 agli 8.000 Euro. 

 

Oltre alle peculiarità della struttura, i prezzi dei camini a pellet variano dalle caratteristiche tecniche e di funzionalità. I più economici sono gli inserti a pellet, i camini che consistono in un monoblocco in metallo molto semplice da installare, ideali per il riscaldamento di una singola stanza senza l’esigenza di grossi lavori di muratura (la spesa massima può arrivare a 3.500, 4.500 Euro). I prezzi aumentano con i camini a pellet canalizzati ad aria e i termocamini a pellet o camini a pellet idro. La prima tipologia è in grado di trasportare l’aria calda in più stanze della casa anche su piani diversi, la seconda viene collegata all’impianto idraulico dell’abitazione per il riscaldamento dell’acqua che circola nei termosifoni o nell’impianto di riscaldamento a pavimento, oltre a produrre acqua calda sanitaria. Queste tipologie sono tra le più costose anche per la loro installazione, le quali necessitano di una procedura più elaborata rispetto al montaggio degli inserti a pellet. 

 

Altri elementi che aumentano il prezzo di un camino a pellet sono gli optional. Tra i più gettonati le applicazioni tecnologiche capaci di soddisfare tutte le esigenza e gli sfizi. Grazie alle ultime innovazioni, i camini a pellet diventano funzionali e smart con un semplice clic: gli impianti sono facilmente programmabili e monitorabili da remoto attraverso SMS o apposita App. 

In ultimo, il design ricercato dei camini a pellet aumenta il prezzo. Tra le ultime tendenze spiccano le cornici in maiolica o argilla lavorate a mano, scelte di stile che fanno lievitare il costo finale del camino ma lo rendono unico e originale.   

 

 

 

 

 

Scritto da Elena Bittante

 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lascia un commento

Accedi o Registrati
Pubblicato da GIANCLAUDIO IANNACE